+39 035 346525 / +39 035 4534134 info@cometapress.it

La corsa rosa arriverà a Bergamo domenica 21 maggio e ripartirà da Rovetta, in alta Val Seriana, martedì 23 maggio verso Bormio, con la scalata al Passo dello Stelvio. Con la presentazione di questa sera al Centro Congressi Giovanni XXIII scatta il conto alla rovescia di 40 giorni che porterà i girini in terra orobica.
Giovanni Bettineschi, Promoeventi Sport: «Dalla prima collaborazione con RCS Sport nel 2004 ad oggi abbiamo fatto un lungo percorso insieme, con l’obiettivo di promuovere il nostro territorio».

Il grande ciclismo fa tappa a Bergamo e l’accoglienza della Città dei Mille è stata, come da tradizione, calorosa ed entusiasta. Questa sera, infatti, è andata in scena nella sala maestra del Centro Congressi Giovanni XXIII la presentazione delle due frazioni bergamasche del Giro d’Italia 2017, sotto la regia di Giovanni Bettineschi, presidente di Promoeventi Sport.
Domenica 21 maggio, con l’arrivo della quindicesima tappa in città, e martedì 23 maggio, con la partenza da Rovetta, Bergamo e il suo territorio saranno al centro dell’attenzione di tutti gli appassionati delle due ruote da strada.

UNA SERATA DA CAMPIONI
Presentata da Paolo Marabini, firma de La Gazzetta dello Sport, e da Simona Befani, voce di Bergamo TV, la serata ha visto, in apertura, gli interventi sul palco di Giovanni Bettineschi di Promoeventi e di Stefano Allocchio di RCS Sport, seguiti dai rappresentanti delle istituzioni: l’assessore allo Sport del comune di Bergamo, Loredana Poli, il sindaco di Rovetta, Stefano Savoldelli e il vice presidente di FCI Michele Gamba.
È stata inoltre l’occasione per celebrare i 70 anni di scorta della Polizia Stradale al Giro d’Italia, con la proiezione di foto storiche e d’archivio: nell’edizione 2017 la responsabilità della scorta è affidata a Mirella Pontiggia, dirigente della Polizia Stradale, sezione di Bergamo.
Grande attenzione per la descrizione tecnica delle due tappe bergamasche da parte di Vittorio Algeri e Davide Bramati, rispettivamente direttori sportivi di Orica Scott e Quick Step – Floors : la Valdengo – Bergamo di 199 chilometri e la Rovetta – Bormio di 222 chilometri.

A raccontare la storia della città e del suo rapporto con il ciclismo sono state le interviste ai direttori sportivi e agli ex professionisti presenti in sala, tra cui, naturalmente, i tre vincitori orobici del Giro d’Italia, Felice Gimondi (1967, 1969 e 1976), Ivan Gotti (1997 e 1999) e Paolo Savoldelli (2002 e 2005). Un momento particolarmente toccante è stato l’incontro con il nipote di Antonio Pesenti vincitore del Giro d’Italia nel 1932.
Tra un’intervista e un riconoscimento, gli articoli storici letti dall’attore Massimo Poggio, grande appassionato di ciclismo e lui stesso praticante, hanno contribuito a render ancor più suggestiva ed emozionante l’atmosfera nella sala.

LE INIZIATIVE
Nel corso della serata, la presentazione delle iniziative legate al passaggio del Giro d’Italia in territorio bergamasco ha ricordato come la marcia di avvicinamento alla partenza della Corsa Rosa sia ricca di eventi e manifestazioni di grande interesse. A partire dalla premiazione dell’Instagram Challenge, una sfida tutta social a tema Bergamo e Ciclismo, che ha trovato proprio in questa serata il suo vincitore. Senza dimenticare la Girolotteria 2017, con il suo speciale montepremi, e il concorso “Vetrine Rosa”, dedicato ai negozianti dei comuni dell’altopiano di Clusone.

 UN RINGRAZIAMENTO AI PARTNER
Presenti alla serata anche alcuni tra i tanti partner a sostegno delle iniziative del Comitato Tappa: sul palco si sono susseguiti il cav. Pietro Santini, fondatore dello storico maglificio sportivo bergamasco che ha presentato le maglie che vestiranno i leader delle classifiche, Mario Noris, ex professionista su strada e responsabile vendite di Scott Italia, Alessandro Invernici di Oriocenter, e Paolo Franco di Uniacque con Roberto Cucchi di NastroTex. 

Foto